[REGIONE PIEMONTE] Riunione della Giunta regionale

da
Advertising

Servizi socio-assistenziali per anziani e disabili, risorse per l’efficienza energetica e le attività culturali sono stati i principali argomenti esaminati il 17 luglio dalla Giunta regionale nel corso di una riunione coordinata dal presidente Sergio Chiamparino.

Assistenza. Su proposta dell’assessore Augusto Ferrari sono stati deliberate le risorse per garantire anche quest’anno, agli stessi livelli del 2016, alcune importanti attività socio-assistenziali:
– 12 milioni di euro per gli interventi per le persone con disabilità;
– 9.150.000 euro per gli interventi integrati a sostegno del mantenimento a domicilio degli anziani non autosufficienti e dell’integrazione della retta per ricoveri definitivi;
– 5 milioni di euro per le prestazioni in lungodegenza nella fase di cronicità per anziani non autosufficienti (professionali, assistenza familiare, servizi di tregua, affidamento diurno, telesoccorso, fornitura pasti, lavanderia, igiene personale, piccole manutenzioni ed adattamenti dell’abitazione).
Via libera anche ad un disegno di legge, che passa ora all’esame del Consiglio, che si propone di regolare le sistemazioni provvisorie per fronteggiare l’emergenza abitativa.

Energia. Viene incrementata di 16.300.000 euro, su proposta dell’assessora Giuseppina De Santis, la dotazione finanziaria del bando per l’efficienza energetica delle imprese anche tramite l’uso di fonti rinnovabili, inizialmente fissata in 50 milioni. La misura riguarda gli impianti di cogenerazione ad alto rendimento, l’aumento dell’efficienza energetica dei processi produttivi e degli edifici, la sostituzione di sistemi e componenti a bassa efficienza con altri a maggiore efficienza, l’installazione di nuove linee produttive ad alta efficienza e di impianti a fonti rinnovabili la cui energia prodotta sia interamente destinata all’autoconsumo nell’unità locale.

Attività culturali. Assegnato, su iniziativa dell’assessora Antonella Parigi, un contributo complessivo di 25.253.500 euro per sostenere il funzionamento e le attività istituzionali degli enti partecipati dalla Regione Piemonte che operano nei settori dei beni e delle attività culturali.

Sono inoltre stati approvati:
– su proposta del presidente Sergio Chiamparino e degli assessori Antonio Saitta ed Antonella Parigi, lo schema di convenzione tra Regione Piemonte e Compagnia di San Paolo per iniziative in campo sanitario e culturale, che i due enti hanno provveduto a sottoscrivere in tarda mattinata;
– su proposta degli assessori Giuseppina De Santis e Giovanni Maria Ferraris, l’adesione al progetto RiformAttiva del Dipartimento della Funzione pubblica, che vede il Piemonte come Regione pilota per partecipare alla prima fase di sperimentazione volta ad individuare le soluzioni più idonee per garantire un’efficace attuazione della riforma della Pubblica amministrazione;
– su proposta delle assessore Giuseppina De Santis e Antonella Parigi, lo statuto tipo delle Agenzie turistiche locali;
– su proposta dell’assessore Giorgio Ferrero, la non applicazione alle aziende agricole danneggiate dalle piogge alluvionali del novembre 2016, data l’eccezionalità dell’evento, della riduzione del 50% sugli aiuti concessi a quelle che non hanno assicurato almeno la metà della produzione media annua o del reddito ricavato dalla produzione;
– su proposta dell’assessora Antonella Parigi, uno schema di accordo con la Conferenza episcopale piemontese per lo sviluppo del sistema bibliotecario, museale ed archivistico ecclesiastico piemontese ed un contributo di 200.000 euro per la sua attuazione nel 2017;
– su proposta dell’assessore Antonio Saitta, il programma regionale di lotta alle zanzare per il 2017, che, con un costo complessivo di 1.650.000 euro, comprende il progetto unitario di informazione, monitoraggio e contrasto alla diffusione dei vettori di patologie umane e animali veicolati da zanzare, il cofinanziamento dei progetti urbani presentati dagli enti locali, le azioni di lotta in risaia, il piano di ricerca e sviluppo; l’individuazione dei Centri esperti per le malattie emorragiche congenite, aventi sede presso l’Aou Città della Salute e della Scienza di Torino, l’Aso di Alessandria e l’Asl TO4 (Ivrea); lo schema di protocollo d’intesa tra Presidenza del Consiglio dei ministri e Regione Piemonte per l’impiego di un modulo di posto medico avanzato nell’ambito della capacità di risposta in caso di emergenze.

Author Gianni Gennaro Questo indirizzo email è protetto dagli . È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Fonte: Regione Piemonte
Fonte: ANSA

Advertising