Firenze Oltrarno, dal 10 agosto i lavori sui sottoservizi arrivano in via dei Bardi. Dall’11 settembre a fine novembre la strada sarà chiusa

da
Advertising

Prosegue il programma di rifacimento dei sottoservizi in città. In particolare giovedì 10 agosto prenderà il via il cantiere di rifacimento delle condutture di Publiacqua in via dei Bardi. Si tratta dell’intervento in continuazione con quello già effettuato in lungarno Torrigiani e prevede la sostituzione di una tubazione del diametro di 80 centimetri dell’acquedotto (150 metri lineari e un camerone) e la posa di nuovo tubo dal diametro di 15 centimetri sempre da parte di Publiacqua. Nell’occasione sarà realizzata una nuova conduttura della rete di Toscana Energia (diametro 40 centimetri), tre cavidotti di Enel, uno Telecom e due per la fibra ottica. “Sono interventi di grande rilievo – sottolinea l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti – che prevedono anche il rifacimento in lastrico di carreggiata e anche i marciapiedi saranno realizzati in pietra, in totale si tratta di una superficie di circa 1.650 metri quadrati”. L’intervento rientra nell’accordo quadro con Publiacqua finanziato a suo tempo.

In dettaglio i lavori sono articolati in diverse fasi che, complessivamente, interesseranno il tratto di via dei Bardi in adiacenza a piazza Santa Maria Soprarno fino all’area di intersezione con via Guicciardini all’altezza Ponte Vecchio. Inizialmente rimarrà la viabilità attuale con senso unico alternato con semaforo, dal 10 ottobre la strada sarà chiusa a tratti fino alla fine di novembre, nell’ultima fase la viabilità sarà riaperta. “Publiacqua deve sostituire una tubazione di grande diametro che si trova in profondità e quindi, visto il tipo di lavorazione, non è possibile mantenere in tutte le fasi una corsia per la viabilità. Sarà sempre garantito l’accesso al parcheggio con l’utilizzo di un ingresso su due”.

Ecco in dettaglio l’articolazione dei lavori
Fase 1A: dal 10 agosto al 10 settembre

L’area di cantiere andrà a occupare il lato in adiacenza agli edifici di via dei Bardi in angolo con piazza Santa Maria Soprarno. Resta una corsia per la viabilità e viene confermato il senso unico alternato regolato dal semaforo.
Fase 1B: dall’11 settembre al 10 ottobre

I lavori interesseranno via dei Bardi da piazza Santa Maria Soprarno verso Costa del Pozzo, praticamente la metà del tratto in modo da lasciare l’accesso al parcheggio. La viabilità per auto e due ruote è garantito dall’itinerario bypass del cantiere Costa del Pozzo-via del Canneto, il trasporto pubblico andrà invece in deviazione. Ataf ha già definito in linea di massima i percorsi alternativi per le linee che adesso utilizzano via dei Bardi. Si tratta della C3 e della D: per la prima è previsto un itinerario in deviazione, la seconda invece sarà interrotta a monte e a valle del cantiere (una linea dalla Santa Maria Novella fino a via Guicciardini e ritorno, l’altra da piazza Santa Maria Soprarno all’ex Iot e ritorno). Deviazione prevista anche per il bus per il Forte Belvedere.
Fase 2: dal 10 ottobre al 10 novembre

L’intervento riguarda il tratto successivo fino alla Conad esclusa. Si tratta della porzione più estesa (65 metri) e comporterà la chiusura della strada per tutti i veicoli.
Fase 3: dal 10 novembre al 30 novembre

L’area interessata è quella successiva fino alla parte sottostante il Corridoio Vasariano. Confermata la chiusura della strada.
Fase 4: dal 30 novembre al 20 dicembre

I lavori riguardano il camerone e sono concentrati nella parte finale all’altezza di Ponte Vecchio. Il cantiere occupa una zona circoscritta e sarà possibile riaprire la circolazione con un senso unico alternato.

Prevista anche una ulteriore fase di lavori che riguardano però interventi puntuali su lato di Ponte Vecchio e piazza Santa Maria Soprarno e che dovrebbero essere effettuati in contemporanea con gli altri e comunque non comporteranno problematiche di circolazione.

Nel frattempo saranno portati avanti anche i lavori di rifacimento della pavimentazione in pietra del tratto di via dei Bardi in fregio agli edifici tra piazza Santa Maria Soprarno e lungarno Torrigiani. Questa area poi diventerà pedonale e la viabilità transiterà esternamente, lato Arno. Anche questa sistemazione sarà conclusa prima delle festività natalizie.

Dopo Natale inizieranno i lavori di riqualificazione di via Guicciardini. La gara è arrivata alle fasi conclusive e il progetto, per il quale sono stati stanziati dal Comune 500mila euro, prevede il rifacimento in pietra della carreggiata. Publiacqua interverrà per sistemare alcuni allacci. Rimanendo in zona, entro settembre sarà presentato il progetto di riqualificazione di Borgo San Jacopo con rifacimento di sottoservizi e pavimentazione. (mf)

Fonte: Comune di Firenze

Advertising