[REGIONE UMBRIA] RIFIUTI: “IL SINDACO LOCCHI PENSI AD UMBERTIDE” – MANCINI (LEGA NORD) “STUPITO DAL SILENZIO DEL PRESIDENTE DEL…

da
Advertising

(Acs) Perugia, 4 agosto 2017 – “Di tutte le affermazioni del sindaco di Umbertide, Marco Locchi, l’unica drammaticamente vera, per quanto tardiva, è proprio il giudizio negativo sullo stato di attuazione del Piano regionale dei rifiuti e della delibera di Giunta regionale ’34/2016′. Se sulla base dei dati ufficiali della Regione, almeno sulla carta, Umbertide è l’unico comune umbro sopra i 10 mila abitanti ad aver raggiunto e superato la percentuale di raccolta differenziata prevista, il sindaco Locchi dovrebbe rivolgersi all’assessore regionale Cecchini e alla presidente Marini per chiedere conto di questo eclatante fallimento”. Lo dichiara il consigliere regionale Valerio Mancini (Lega nord), sottolineando che “i vertici del Pd dovrebbero spiegare ai propri cittadini perché non hanno fatto tutto quanto in loro potere per attivarsi in sede di Assemblea dei sindaci dell’Auri e richiedere l’immediato avvio delle procedure per l’approvazione del nuovo Piano rifiuti, cosa che la Lega, invece, sta facendo da mesi. Cosa aspetta Locchi ad approvare un atto di indirizzo in tal senso in Consiglio comunale invece che pretendere di dettare legge a casa degli altri? Comprendiamo le sue evidenti difficoltà amministrative, tra centri culturali islamici, risse, diverbi interni alla Giunta ha di certo difficoltà a mantenere salda la poltrona, ma i cittadini meritano rispetto”.

Per Mancini “le dichiarazioni del sindaco Locchi sono istituzionalmente inaccettabili e politicamente ridicole. Il suo improvviso interessamento per le sorti dello stato della raccolta differenziata in Altotevere, e a Città di Castello in particolare, suona tardivo e strumentale e ha esclusivamente l’intento di mascherare le responsabilità politiche della sua Amministrazione in merito alla vicenda ‘Splendorini’ (https://goo.gl/LeP7re). Apprezzabile – aggiunge – il suo intento chiarificatore, ma anziché attribuire responsabilità a terzi, si guardi intorno e si chieda come mai sia a livello locale che regionale, la gestione dei rifiuti è un fallimento. Abbiamo discariche stracolme, come quella di Belladanza e obiettivi palesemente mancati. Quindi prima di sentenziare in casa di altri, si guardi bene nella propria, perché in questo caso ce n’è tanto bisogno”. RED/mp

Fonte: Regione Umbria

Advertising