PORCARI Parte la raccolta di firme per un nuovo spazio teatrale – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

LUCCA. Nasce un comitato per un nuovo spazio teatrale a Lucca. Per offrire una programmazione di spettacoli contemporanei e dare un luogo anche ad altre realtà che non trovano spazio nel cartellone del Giglio.

Promotore dell’iniziativa è Roberto Castello, danzatore, coreografo e docente torinese, ma fortemente legato a Lucca e alla Piana, attraverso Spam creata dalla compagnia Aldes da lui diretta che produce opere di sperimentazione coreografica con particolare attenzione alla contaminazione fra danza, arti visive e nuove tecnologie.

«Non è una critica al Giglio, che è uno dei migliori e più antichi esempi di teatro all’italiana, e tantomeno all’amministrazione comunale«, tiene a precisare Castello. La sua è una proposta «che vuole aprire un confronto e un dibattito con la città e il sindaco Alessandro Tambellini sull’esigenza di un nuovo spazio teatrale».

Secondo il famoso coreografo «in una città bella e ambiziosa come Lucca, che negli ultimi anni si sta affermando a livello nazionale e internazionale per le numerosissime iniziative culturali, è da tempo avvertita la mancanza di uno spazio teatrale complementare al Giglio».

La proposta del comitato, formato da altre persone del mondo della cultura e dell’arte, è sostenuta da un documento (la versione integrale sul sito www.spamweb.it) in cui si evidenziano alcune riflessioni. «Se il Giglio è adeguato per la lirica e la prosa tradizionale, non appare adatto però ad una programmazione genuinamente contemporanea e la nostra città è esclusa da ogni attività di programmazione artistica di alto livello per lo spettacolo contemporaneo, impedendo di beneficiare delle non irrilevanti risorse comunitarie, statali e regionali disponibili per questo comparto, che in questo modo vanno ad altri territori. Per questo, ma pure per garantire spazi alle tante iniziative culturali di qualità, è nato un comitato di liberi cittadini, enti ed istituzioni che avvertono l’urgenza di un nuovo spazio culturale che offra la possibilità di avere una programmazione di spettacoli, concerti ed eventi più ricca e variegata. Giovani e meno giovani cittadini lucchesi si lamentano spesso di una mentalità troppo chiusa in una città dal potenziale sicuramente superiore e di una vitalità culturale ancora lontana da quella di altre città affini».

Il comitato quindi propone la nascita, «a fianco di un teatro di tradizione come il Giglio di un centro pubblico per la produzione e la programmazione di spettacolo e cultura contemporanea, aperto

a tutte le realtà del territorio, capace di coinvolgere la cittadinanza, e, in particolare, le giovani generazioni».

Per aderire al comitato si può firmare alla libreria Baroni, Lucca Libri, studio Pera e bancarella in piazza San Giusto, Guidotti parrucchiere e SPAM! a Porcari.

Fonte: Il Tirreno

Advertising