MODENA – AI GIARDINI D'ESTATE IL BAR DI VITO CON IL DUO SCONCERTO

da
Advertising

Ognuno di noi, prima o poi, incappa in un bar di provincia dall’arredo orribile e dalla clientela a dir poco pittoresca: ecco, il “Bar al portico” che Vito e il duo Sconcerto metteranno in scena ai Giardini ducali di Modena venerdì 18 agosto è quel tipo di bar lì. Quello, come lo descrivono loro stessi, che chi lascia la via Emilia e si infila nel dedalo di viuzze che si perdono nella Bassa prima o poi troverà; quello che da quarantacinque anni resiste a ogni sorta di moda e di crisi, per la gioia dei suoi affezionati avventori e lo stupore dei pochissimi forestieri che vi capitano. Quello che rivive sul palco della rassegna Giardini d’estate, venerdì 18 agosto a partire dalle 21.30, con le battute del comico bolognese e la musica di Matteo Ferrari e Andrea Candeli, rispettivamente al flauto e alla chitarra.

Giardini d’estate, è organizzata da Studio’s e sostenuta da BPER Banca ai Giardini Ducali di Modena in corso Canalgrande, nell’ambito dell’Estate modenese del Comune con sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena e Gruppo Hera. L’ingresso è come sempre libero e gratuito.

Nella serata funziona il “Buon ristoro” di Piacere Modena: gnocco, tigelle, tortellini e tipicità locali con Lambrusco doc, e insalate all’insegna di prodotti tipici e tradizione. (prenotazioni tel. 059 208672).

Il programma dell’Estate modenese è online (www.comune.modena.it).

Vito, il nome d’arte di Stefano Bicocchi, è un attore cinematografico, televisivo e soprattutto teatrale oltre che appassionato di cucina e lui stesso cuoco. Insieme ai genitori conduce dal 2013 il programma di cucina “Vito con i suoi” per il canale satellitare Sky Gambero Rosso.

Con il duo Sconcerto il sassolese Matteo Ferrari al flauto e il pavullese Andrea Candeli alla chitarra creano una miscela irresistibile di arte e tecnica: oltre alla bravura, l’affiatamento dei due artisti consente di far nascere una musica in continua trasformazione e comprensibile a tutti.

Advertising