Capannori Al via il progetto “Made in Capannori” per valorizzare la filiera enogastronomica locale

da
Advertising

Capannori –

Una veduta di San Gennaro

Promuovere e valorizzare il settore enogastronomico locale creando una sinergia tra gli operatori della filiera corta attraverso una serie di azioni di formazione, supporto, aggiornamento e promozione e rafforzando la rete tra le imprese, le diverse attività dell’amministrazione comunale e la Scuola di Alta Formazione post diploma Made. È questo lo scopo del progetto “Made in Capannori” che il Comune in collaborazione con la Fondazione Palazzo Boccella e la Scuola Made avvierà nelle prossime settimane. Le iniziative, che avranno una durata biennale, sono cofinanziate da Unioncamere nell’ambito del progetto “Vetrina Toscana” di Regione e Unioncamere, che conta l’adesione di oltre 1000 ristoratori e quasi 300 botteghe alimentari della Toscana e il sostengo delle associazioni di categoria.

“Questo progetto mette al centro due eccellenze di Capannori – spiega l’assessore al turismo, Serena Frediani -. Da una parte c’è il settore dell’enogastronomia, composto da un’importante rete di imprese ed attività, dall’altra la Fondazione Palazzo Boccella e la Scuola Made, un modello nella formazione legata all’accoglienza e alle tradizioni alimentari. Intendiamo consolidare il legame fra questi elementi chiave radicando ancor di più nel territorio la Scuola Made. Vogliamo che diventi un punto di riferimento per gli imprenditori del settore. Avere una maggiore consapevolezza dei propri mezzi, acquisire nuove competenze e strumenti, confrontarsi in maniera approfondita con altri soggetti e rafforzare la promozione darà nuove potenzialità al settore, con ricadute positive per lo sviluppo economico locale. Con questo progetto, inoltre, si mettono a sistema le numerose iniziative che l’amministrazione locale ha messo in campo nell’ambito della valorizzazione dei prodotti locali”.

Il primo appuntamento di “Made in Capannori” si svolgerà a settembre Palazzo Boccella a San Gennaro. Sarà l’occasione per condividere le azioni del progetto con le associazioni di categoria e i vari partner che saranno coinvolti.
“Si tratta di un progetto di rete – chiosa l’assessore Frediani – quindi altre azioni saranno costruite congiuntamente alle associazioni di categoria, all’osservatorio turistico di destinazione e alle imprese del territorio”.

Molte le iniziative previste nel primo anno del progetto. Tra queste ci sono open day e serate tematiche coinvolgendo le specifiche filiere locali. Inoltre, nell’ambito del percorso didattico della Scuola Made sarà data maggiore rilevanza al territorio e alle aziende sia attraverso il coinvolgimento dei cuochi di “Vetrina Toscana”, sia tramite il rafforzamento degli stage nelle imprese e con specifiche attività seminariali e di formazione aperte non solo agli studenti ma anche agli operatori del territorio.

Advertising
Tags: