PORCARI Baccini: “Ok declassare l’A11, ma fino al casello di Altopascio”

da
Advertising

PORCARI – “Ho accolto con soddisfazione l’apertura del dibattito sulla possibile declassificazione della bretella Lucca-Viareggio al fine di renderla strada libera e quindi fruibile senza pedaggio”. Lo afferma in una nota l’ex sindaco di Porcari, Alberto Baccini, che interviene così sul dibattito che si è aperto grazie alle mozioni che sono state portate all’attenzione dei consigli comunali di Lucca e Massarosa.

 

“Naturalmente – dice l’ex sindaco – non ci sarebbe solo il vantaggio economico per gli utenti ma anche una serie di opportunità di utilizzo che consentirebbero, in particolare, un ulteriore sviluppo del turismo verso un’area di grande tradizione come la Versilia e, con la riduzione dei limiti di velocità, una maggior sicurezza di un tratto che ha visto negli anni una serie infinita di gravi e tragici incidenti. Mi permetto di dire – aggiunge – che questa proposta sulla A11, della quale non dimentichiamo la bretella è una diramazione, non è una novità: da anni, seppur con motivazioni diverse, ho più volte sollecitato una iniziativa di questo genere che, a mio parere, sarebbe utilissima ma con una sua estensione fino al casello di Altopascio. Una direttrice stradale libera da pedaggio nel cuore della Piana di Lucca infatti avrebbe un duplice vantaggio: rappresenterebbe di fatto la realizzazione automatica dell’asse est-ovest e determinerebbe un netto miglioramento della qualità dell’aria in un territorio storicamente sofferente dal punto di vista ambientale.

 

“Allontanare una buona parte di traffico dai centri abitati e dalle intasatissime strade della Piana verso sud – conclude Baccini – su una linea senza interruzioni con un limite di velocità ridotto porterebbe benefici importanti in termini di mobilità e di tutela della salute dei cittadini. A mio parere quindi, come ebbi a dire più volte in passato, sarebbe un grave errore escludere dal progetto in discussione il tratto relativo alla direttrice Lucca-Altopascio che deve diventare parte integrante della richiesta agli organi competenti”.

Fonte: Lo Schermo

Advertising