PORCARI Famiglia insultata dai ladri trovati dentro l’abitazione – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

CAPANNORI. Furti in abitazione, il Capannorese sotto attacco dei ladri. Soltanto nella notte di martedì sono stati almeno tre i colpi messi a segno nella frazione di Camigliano, ma ci sono state altre segnalazioni di tentativi sventati dalla sirena dell’allarme che ha scoraggiato i malviventi. Che invece non hanno avuto nessuna remora a fare razzia in alcune case nel mirino dei soliti ignoti ormai da diverse sere nella Piana.

Un furto lampo, eseguito in poco tempo in una corte in via delle Ralle a Camigliano. Un colpo eseguito in pochi minuti, prima di tagliare la corda. Tutto sotto gli occhi dei proprietari che non hanno potuto che vedere i ladri scomparire nel buio dei campi vicino all’asilo dopo avere provato ad inseguirli. In questo caso ladri acrobati che hanno fatto irruzione intorno alle 20.30 e dopo essersi arrampicati da una canala hanno sfondato la persiana per entrare nelle camere. «Quando siamo rientrati a casa li abbiamo trovati dentro, uno era in cucina e l’altro si è lanciato giù dal terrazzo, appena ci hanno visto sono scappati in fretta e furia» racconta Simone Petroni che ha provato anche un inseguimento. Una caccia ai ladri che però non è andata a buon fine. «Sono corso dietro per fermarli, ma erano in vantaggio e sono fuggiti nei campi vicino alle scuole». Quando i militari si sono presentati sul posto i ladri si erano già dileguati con un misero bottino: un salvadanaio della figlia con qualche decina di euro e bigiotteria di poco valore. Il danno piu grosso è la riparazione della finestra. «E come se non bastasse i ladri ci hanno anche insultato». Scocciati perché sorpresi in flagrante. «Senza contare lo spavento, avevamo con noi anche le bimbe. Non ne possiamo più di questo andazzo. Qualche mese fa hanno rubato anche a casa di mia madre».

Tutto il paese è stato battuto da cima a fondo. Presa di mira anche la zona delle Pianacce dove un tentativo è andato a segno, mentre un altro hanno cercato di entrare in casa di una coppia di anziani. L’allarme che la famiglia ha installato in casa non è servito a tenere lontani i ladri, che sono tornati a colpire. I malviventi, sorpresi da un vicino mentre suonava ancora la sirena del sistema antifurto, sono riusciti a scappare sparendo nell’oscurità con alcuni monili in oro.

Per difendersi dalle incursioni dei ladri a Camigliano gli abitanti hanno deciso di organizzarsi per tenersi reciprocamente d’occhio le case, coordinandosi attraverso un gruppo WhatsApp creato ad hoc. Una sorta di “passaparola”. E che per un po’ ha funzionato. Ma che non può bastare per tenere lontani i ladri. Nella stessa notte a Valgiano i ladri si sono scappati con una mountain bike sule spalle che poi hanno gettato, forse di intralcio per la fuga. Nei giorni scorsi episodi di microcriminalità anche a Marlia, Matraia, Segromigno e Lammari. Una lunga scia che riaccende il

tema sulla sicurezza. E che coinvolge tutta la Piana. A Porcari, in via Fossanuova, una donna ha “incrociato” i ladri che si erano chiusi a chiave per compiere le loro malefatte. Poi, disturbati dai rumori dei vicini, si sono dati alla macchia portando con sé qualche prezioso e 150 euro.

Fonte: Il Tirreno

Advertising