Firenze Debutta a Firenze il car sharing elettrico di Adduma Car: già in servizio 32 auto e 8 furgoni

da
Advertising

Il car sharing a flusso libero fiorentino si arricchisce di un nuovo gestore. Si tratta di Adduma Car che ha già messo in campo la sua flotta di 40 mezzi totalmente elettrici, di cui 32 auto e 8 furgoni.

Il progetto è nato da una start up siciliana, con la collaborazione di ALD Automotive, Enel, Omoove e Renault, ed ha scelto proprio Firenze per il suo debutto nazionale.

Stamani la presentazione ufficiale cui hanno partecipato l’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti e Antonino Campione ideatore e amministratore di Adduma Car. Presenti anche Francesco Fontana Giusti direttore Comunicazione & Immagine Renault Italia, Edwin M. Colella Chief Sales & Marketing Officer Omoove che ha realizzato la piattaforma dedicata ad Adduma Car, Eleonora Frollano, Key Account Manager ALD Automotive Italia, Dianamaria Pacchioni Head of e-Mobility Offering, Global e-Solutions Enel.

“L’arrivo di questo nuovo gestore del car sharing offre una opportunità in più: alle 32 auto elettriche si affiancano infatti 8 furgoni sempre ecologici – ha sottolineato l’assessore Giorgetti –. Stiamo lavorando al piano della logistica e questa novità per il trasporto merci è importante”. L’assessore ha anche ricordato che con i mezzi di Adduma Car i veicoli del car sharing a batteria arrivano a 290, quasi la metà della flotta complessiva dei mezzi condivisi (590). “Come Amministrazione stiamo puntando molto sull’elettrico come testimonia l’investimento sulla rete di colonnine elettriche, 174 cui si aggiungono le postazione fast charge per i taxi; e anche la possibilità di parcheggio gratuito per i veicoli elettrici dei residenti nella zcs. Continueremo a lavorare per incentivare l’utilizzo dei mezzi ecologici anche per rispettare l’impegno della riduzione del 20% della CO2 entro il 2020”.

Adduma Car è una Start Up Innovativa che nasce in Sicilia, nella provincia di Enna; la sua mission è farsi promotrice della mobilità sostenibile, a zero impatto ambientale e vicina alle esigenze di privati ed aziende.

“Con questo servizio – ha spiegato Campione – puntiamo a rispondere anche alle esigenze delle aziende, con l’introduzione di veicoli commerciali, che con la flessibilità del car sharing possono svolgere la loro attività con maggiore libertà. Abbiamo scelto Firenze per il debutto per il suo primato di città elettrica”.

Per la scelta dei veicoli la Start Up siciliana ha guardato alla casa automobilistica Renault, optando per la berlina compatta 100% elettrica ZOE (autonomia in condizioni normali di 300 chilometri, a ricarica rapida alla colonnine) e il veicolo commerciale Nuovo Kangoo Z.E. (autonomia in condizioni normali di utilizzo pari a 200 chilometri circa) in virtù delle loro qualità tecnologiche e versatilità di utilizzo..

Un’idea, quella di Adduma Car, in cui hanno creduto e cooperato sinergicamente anche Enel, ALD Automotive e Omoove, leader europeo nelle soluzioni innovative di Shared Mobility, che ha fornito la piattaforma dedicata, dalle caratteristiche tecnologiche all’avanguardia e dagli elevati standard di sicurezza garantita agli utenti.

COME FUNZIONA

Come gli altri gestori di car e bike sharing Adduma Car utilizza lo smart phone per il noleggio e la localizzazione dei veicoli. L’utente si registra nel portale o direttamente sull’APP (Adduma Car App) attraverso cui si può cercare e prenotare il veicolo da sbloccare (per un massimo di 20 minuti) tramite il QR code. Il noleggio inizia un volta saliti sul mezzo. Per quanto riguarda le tariffe, sono in linea con gli altri gestori del car sharing fiorentino. Per le auto 0,20 euro al minuto nella prima ora che diventano 0,09 dalle seconda e 0,01 dalla nona e sono previste tariffe fisse per i noleggi più lunghi (una, due, otto e ventiquattro ore). Poco più alte le tariffe per i furgoni, ovvero 0,22 euro al minuto nella prima ora che diventano 0,11 dalla seconda e 0,01 dalla nona). Il servizio è in funzione su tutto il territorio del Comune di Firenze.

Per info www.addumacar.it

(mf)

 

Fonte: Comune di Firenze

Advertising