PORCARI Da Spam! Good Art Is Healthy “Sguardi oltre i confini”

da
Advertising

LUCCA – Come il critico teatrale e conduttore di Radio3 Graziano Graziani evidenzia, i coreografi contemporanei, anche dal punto di vista della formazione, abitano già uno spazio europeo e internazionale che, in altri settori, non esiste ancora, o almeno non in senso compiuto. Per loro è naturale lavorare in Italia come all’estero, entrare in contatto con maestri del Nord Europa e dell’America come con quelli di casa nostra. Lo spazio che abitano, il luogo mentale in cui creano, è già un ambiente europeo e transnazionale. Per questo possono essere considerati dei pionieri di quella cultura compiutamente europea che tra qualche decennio ci sembrerà un’ovvietà ma che oggi è una lingua che stiamo ancora imparando a parlare.

 

598A7485a

 

Di qui SGUARDI OLTRE I CONFINI – LA DANZA ITALIANA CHE GUARDA L’EUROPA, il titolo della rassegna che per 7 settimane, tutti i mercoledì, porterà nella sede di SPAM! a Porcari alcuni tra i più rilevanti spettacoli italiani di danza contemporanea attualmente in circuitazione in abbinamento con altrettante improvvisazioni di danza e musica dal vivo.
L’unica eccezione sarà rappresentata dalla serata del 15 novembre in cui Silvia Gribaudi presenterà in prima serata R. OSA_10 esercizi per nuovi virtuosismi, uno dei suoi lavori di maggiore successo e in seconda serata il lavoro che una decina di anni fa l’ha rivelata al pubblico e alla critica: A corpo libero.

 

“Abbiamo cercato di portare quest’anno la rassegna nel centro storico, ma per motivi tecnici non ci siamo riusciti – spiegano -. L’obiettivo è rimarcare l’importanza di una dimensione culturale europea, nell’ottica di costruire un comune sentire che passi attraverso qualcosa di condiviso. Non tutti sanno di cosa identifichi la “generazione Erasmus”: sono persone che nel loro percorso scolastico e formativo hanno avuto l’occasione di trascorrere alcuni mesi all’estero incontrando e confrontandosi con altre culture. E’ una dimensione poco conosciuta forse che nella danza è all’ordine del giorno almeno dagli anni ’80 e non ci sono danzatori che non parlino almeno due o tre lingue. Alla danza contemporanea può essere portata un’attenzione anche come un qualcosa che ci aiuta a percepire culture diverse – e proseguono -. Abbiamo sempre evitato l’inglese nel nostro programma per non scadere in quella tendenza che porta quasi a nobilitare e decorare qualcosa solo perché il lessico è in lingua straniera, mentre quest’anno l’ottica e diametralmente opposta, volta ad un’apertura all’internazionale. Sempre meno presenze all’estero di artisti italiani che padroneggiano la lingua e invece questo aspetto va promosso e motivato”.

 

“Quest’anno abbiamo voluto incentrare la rassegna sulla danza italiana e gli appuntamenti si ripeteranno ogni mercoledì dal 1 novembre al 13 dicembre 2017, una scelta che non voleva calare sul fine settimana un’offerta eccessiva, valorizzando invece altri giorni. Una proposta omogenea e variegata per età degli artisti e modalità di composizione dei lavori, molto differenti tra loro per poter entrare meglio nelle singole sensibilità e per abbracciare la danza in senso ampio e non meramente tecnico. L’intento di quest’anno è stato anche quello di affiancare danzatori nazionali e musicisti locali, così da favorire percorsi di conoscenza professionali, anche in collaborazione con Barga Jazz. La serata di apertura sarà con Irene Russolillo, un’artista che si è formata nella nostra compagnia, mentre quella di chiusura vedrà protagonista Marco Chenevier, con un progetto in anteprima regionale”.

 

598A7474

 

Gli spettacoli andranno in scena ogni mercoledì alle h21. Ecco il programma:

 

Ad aprire la rassegna, il 1° novembre h21, THE SPEECH, l’ultimo seducente ed ironico spettacolo di Irene Russolillo, una straordinaria interprete, in collaborazione con la coreografa e danzatrice belga/argentina Lisi Estaras, e a seguire DANCE PERFORMANCE & LIVE MUSIC con i danzatori Stefano Questorio, Elisa D’Amico e il percussionista Daniele Paoletti.

 

Mercoledì 8 novembre Francesca Cola, autrice, coreografa e danzatrice che produce in Italia e all’estero, porterà a SPAM! NON ME LO SPIEGAVO, IL MONDO: una potente performance visiva e di danza contemporanea. “Attraverso una grammatica di gesti speculari, richiami, metafore e simboli si lascia allo spettatore la scelta se abbandonarsi all’immediata bellezza visiva del mostrato o seguirne le tracce verso un non-detto e un non-rivelato tanto ricco di suggestioni quanto spaesante nella sua fitta rete di rimandi simbolici” (Francesca Cola). A seguire DANCE PERFORMANCE & LIVE MUSIC con le danzatrici Francesca Zaccaria e Caterina Basso accompagnate dalla tromba di Tony Cattano.

 

Il 15 novembre Silvia Gribaudi presenterà in prima serata R.OSA_esercizi per nuovi virtuosismi “In R.OSA Silvia Gribaudi afferra tutta la leggerezza, la libertà e la dirompente voglia di scommettere sulla sua ingombrante fisicità, con una performance di vertiginosa bravura” (Gabriele Rizza – IL MANIFESTO), e a seguire A CORPO LIBERO, selezionato per Biennale di Venezia 2010, Aerowaves -Dance Across Europe 2010,
 Edinburgh Fringe Festival 2012, Do Disturb – Palais De Tokyo 2017; un lavoro che ironizza sulla condizione femminile a partire dalla gioiosa fluidità del corpo, una performance che parla di donna, libertà e ironia.

 

Il 22 novembre Davide Valrosso, diplomato presso L’English National Ballet, e formatosi in alcuni dei più importanti centri di danza contemporanea quali il London Contemporary e la Ramber School, porta a SPAM! WE_POP, che vede protagonisti lo stesso Valrosso e Maurizio Giunti: un duo dalla scrittura coreografica di grande raffinatezza.
WE_POP [..] Sostegni, equilibri, simbiosi di corpi. L’uno indaga l’energia dell’altro con una condivisione che quadruplica l’intensità del movimento, esaltato dalla forza di questi due incantevoli corpi che si lasciano trasportare da una potenza che rende il gesto forte e fluido allo stesso tempo (Francesca Gennuso). A seguire DANCE PERFORMANCE & LIVE MUSIC con le danzatrici Giselda Ranieri e Anna Solinas con Mirco Capecchi (clarinetto basso)

 

Il 29 novembre il Gruppo Nanou, attivo tra Italia, Germania e Belgio, presenterà XEBECHE [csèbece], con otto danzatori in scena.”[…]Oltre il virtuosismo e oltre la tecnica – dice Salvatore Insana sulla performance – ma anche aldilà della voglia di fare la Storia e di raccontare storie, c’è l’ironia fragile, sottile ed evidente di chi è lì in quanto corpo umano e animale (Marco Maretti su tutti), in un magnifico sbilanciamento, costantemente al limite del migliore degli inciampi”. A concludere la serata DANCE PERFORMANCE & LIVE MUSIC con la danzatrice Aline Nari, il danzatore Davide Frangioni e il contrabbassista Mirco Capecchi.

 

La Compagnia Adriana Borriello, sarà a SPAM! il 6 dicembre con COL CORPO CAPISCO #2. Adriana Borriello, danzatrice, coreografa e pedagoga, che ha fatto parte del percorso formativo della danza belga, parla così del suo lavoro: COL CORPO CAPISCO non è solo un titolo, ma una dichiarazione, un manifesto, un modo di stare al mondo. Al centro del progetto modulare la trasmissione da corpo a corpo che pone in primo piano il sentire e genera forme di comunicazione empatica. La danza, essenza dell’atto “inutile” che riflette su se stesso, diventa medium di conoscenza della non-conoscenza, sapienza del corpo, dell’esserci.
A seguire DANCE PERFORMANCE & LIVE MUSIC con la danzatrice Silvia Bennet accompagnata da Alessandro Rizzardi al sax tenore.

 

L’ultimo appuntamento della rassegna sarà con Marco Chenevier, coreografo, danzatore, regista e attore attivo tra Italia e Francia (Romeo Castellucci e Cindy Van Acker, Cie CFB451 in seno al CCN di Roubaix, Cie Lolita Espin Anadon,…) e il suo ultimo spettacolo QUESTO LAVORO SULL’ARANCIA (in prima regionale).
“Cosa accade se uno spettacolo di danza, anziché come oggetto di linguaggio, viene costruito quale esperienza? Voglio interrogarmi sulla natura del dispositivo scenico attraversandolo insieme al pubblico in un’ottica diversa, incentrata non sull’interpretazione del simbolo ma su dinamiche esperienziali condivise. L’estetica strizza l’occhio al film cult “Arancia meccanica”. L’arancia, il latte, il bianco, il rapporto sadomasochistico dell’artista con il sistema spettacolare e con gli spettatori, fanno da sottofondo allo svolgersi dell’azione. “ (Marco Chenevier). A seguire DANCE PERFORMANCE & LIVE MUSIC con la danzatrice Ilenia Romano e il chitarrista Claudio Riggiò.

 

 

INFO

 

biglietti: 10 euro + €3,00 tesseramento SPAM!
ridotti (over 65): 7 euro
INGRESSO GRATUITO per gli under 18
info@nullspamweb.it
t. 342.0591932 – 348.3213503
www.spamweb.it

Fonte: Lo Schermo

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.