PORCARI Il maltempo dà una tregua e i fiumi si abbassano. Viabilità a rilento e blackout a Porcari, Pietrasanta, Lucca, Capannori e Fabbriche di Vergemoli

da
Advertising

LUCCA – Il maltempo sembra aver dato una tregua, sebbene si parli di un peggioramento attorno alle 15. La pausa che sta però concedendo in mattinata permette a fiumi e corsi d’acqua di far calare la portata e, quindi, fa tirare un sospiro di sollievo. I problemi comunque non mancano un po’ ovunque sul territorio provinciale.

 

CENTRO FUNZIONALE REGIONALE – L’ultimo bollettino emesso dal Cfr (Centro funzionale regionale) è delle 5:48 e, alla voce ‘Precipitazioni‘, parla  di massimi fino a 30-40 mm sui rilievi delle province di Massa Carrara, Lucca e Pistoia, massimi di 20-30 sulle province di Pistoia, Prato, Massa Carrara e Lucca. Per quanto riguarda il vento, si registrano raffiche superiori ai 100 chilometri all’ora sull’Appennino lucchese e raffiche tra gli 80 e i 100 km/h sul resto dell’Appennino. Fino a 40-60 km/h in collina e in genere inferiori ai 40 km/h in pianura. Per quanto concerne il mare, è tra molto mosso e agitato e l’Idrometria vede livelli della parte settentrionale della regione stabili o in contenuto aumento, con superamento delle soglie di riferimento sul fiume Serchio e sui torrenti Freddana e Ozzeri.

 

SALE OPERATIVE – Sono tutte attivate le sale operative: da quella provinciale, a quella del Consorzio di Bonifica Toscana Nord, a quelle dei singoli comuni. Al momento non si parla di una loro chiusura, al contrario sono in corso numerose riunioni operative per decidere come intervenire sui singoli eventi che si presentano. In particolare, una riunione operativa è stata indetta a Viareggio dove ci si aspetta un peggioramento delle condizioni meteo nel pomeriggio, soprattutto a causa del forte vento.

 

VIABILITA’ – Molti i problemi sulla viabilità a causa degli allagamenti della sede stradale, ma che sono comunque in via di risoluzione. Sulla Piana di Lucca il traffico scorre lentamente sulla Sp61 Lucchese-Romana (variante di Porcari) e Sp23, all’altezza della rotonda del Ginesi a Porcari, a causa di un cavo elettrico della linea di media tensione caduto sulla sede stradale: sono intervenute le pattuglie della polizia provinciale e una squadra dell’Enel per risolvere la criticità.

Grazie al pronto intervento dei Vigili del fuoco, invece, è stata prontamente riaperta al strada comunale di Pomezzana, nel comune di Stazzema, che era interrotta per uno smottamento avvenuto in nottata.

In via precauzionale è stato istituito il senso unico alternato sulla  Sp38 di Coreglia, a causa di una frana in località Debbia.

Nel comune di Lucca, infine, è chiusa via dei Borelli a Mutigliano a causa degli ingenti allagamenti.

 

BLACKOUT – Il problema che si evidenzia più grave, al momento, è quello della mancanza di corrente elettrica in varie parti della provincia. Al momento le utenze interrotte sono oltre 1300, la maggior parte delle quali si trova a Porcari (circa 700 utenze) e a Pietrasanta (400). Un centinaio sono al buio anche a Lucca e una novantina nel comune di Capannori, mentre 30 a Fabbriche di Vergemoli in Garfagnana. Le interruzioni sono state causate da problemi di varia natura: in particolare dalla caduta di piante che hanno interrotto le linee elettriche, o da infiltrazioni di acqua nelle cabine. Le squadre dell’Enel sono prontamente intervenute, ma la risoluzione dell’approvvigionamento elettrico avrà tempi più lunghi a Porcari e Pietrasanta, consierando l’alto numero di interruzioni.

 

Il Comune di Lucca, intanto, comunica che sul proprio territorio la criticità-black out è in via di soluzione, compreso il guasto che ha interessato la zona di Antraccoli.

 

FIUME SERCHIO – Attorno alle 4 di questa notta, il Serchio ha superato i 450 metri cubi al secondo di portata allo sbarramento di Borgo a Mozzano: la Difesa del suolo, quindi, ha attivato la fase di pre-allarme, ma attualmente il livello idrometrico del fiume è in calo in tutte le sezioni della pianura di Lucca.

 

 

 

RETICOLO MINORE – Il reticolo minore è quello che sta risentendo maggiormente delle piogge. A farne le spese sono i canali irrigui della zona nord del capannorese: un reticolo nato per distribuire l’acqua alle colture nel periodo estivo, ma che da tempo oramai serve anche ad allontanare le acque precipitate durante le piogge più intense. A Marlia, in nottata, sono stati distribuiti i ballini di sabbia in via Lombarda, in via dei Biccelli e in via Delle Selvette. Sul Rio Frizzone, nei pressi del casello autostradale, il Consorzio di Bonifica è intervenuto per un albero caduto in un corso d’acqua. Al momento il Consorzio sta monitorando con attenzione tutti i principali rii: a Lucca in particolare sul Guappero, sui Bottacci e sul canale Ozzeri.

Sacchini di sabbia (circa 50) distribuiti anche a Porcari, a Corte Andreotti, in corrispondenza del cedimento del muro perimetrale della corte sul rio Fossanuona nel 2016.

 

 

 

 

Fonte: Lo Schermo

Advertising