PORCARI Presentazione libro di Simoni e assegnazione premio Torretta d’Oro a Giovanni e Luigi Toschi

da
Advertising

LUCCA – Sessantadue anni di calcio trascorsi ricoprendo vari ruoli: calciatore, allenatore, direttore tecnico, presidente. Una vita a rincorrere un pallone sempre con stile e signorilità. Gigi Simoni sabato 3 febbraio alle 18 sarà presente all’auditorium Cavanis per raccontare, attraverso il suo libro biografia, la sua avventura umana e professionale, in una serata organizzata dal Comune di Porcari e voluta fortemente dal sindaco Leonardo Fornaciari, che con l’occasione ha deciso di assegnare il premio Torretta d’Oro alle due glorie locali, Giovanni e Luigi Toschi.

 

Con Simoni e i due premiati ci saranno due autori del libro, Luca Tronchetti redattore de Il Tirreno e Luca Carmignani, mentre tra gli ospiti graditi sono attesi Romano Fogli, Raffaele Vescovi, Vittorio Tosto, l’attuale allenatore della Lucchese Giovanni Lopez e Vanni Pesotto.

 

Il titolo della biografia è emblematico e riassume le caratteristiche del personaggio: “Simoni, si  nasce”. Nelle oltre trecento pagine – introdotte da un ricordo di Alberto Cerruti, grande firma della gazzetta dello sport e oggi di Radio Uno e da una prefazione di un grande interprete della musica italiana che tra pochi giorni condurrà il Festival di Sanremo come Claudio Baglioni – c’è racchiusa tutta la vita di Simoni: dagli esordi nella squadra del paese natale (Crevalcore) al passaggio alle giovanili della Fiorentina, vera palestra per le giovani generazioni, sino alla consacrazione nel Torino con la convocazione in Nazionale nel 1965 e al successivo passaggio alla Juventus di Heriberto Herrera impegnata in Coppa dei Campioni. Ma i momenti più emozionanti Simoni li ha vissuti in panchina. Un palmares unico: 7 campionati vinti in serie B (record di ogni epoca) con Brescia, Genoa (2 volte), Pisa (2 volte), Ancona e Cremonese, città che lo ha eletto allenatore del secolo. A cui si aggiungono le vittorie dei campionati in C2 (Carrarese e Gubbio) e C1 (Gubbio) in veste di direttore tecnico.

Resta un mistero l’esonero dall’Inter proprio nel giorno in cui a Coverciano gli venne consegnata la panchina d’oro come migliore allenatore della precedente stagione. Un mistero che il presidente Massimo Moratti, in una lettera aperta inserita nel libro, cerca di spiegare scusandosi con il gentiluomo della panchina che è rimasto in ottimi rapporti con il patron nerazzurro dimenticando lo sgarbo subito. Sì, è proprio vero: Simoni si nasce.

Fonte: Lo Schermo

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.