Capannori Tredici assemblee pubbliche sul territorio per parlare di sicurezza urbana

da
Advertising

Capannori –

Miccichè

Un fitto calendario di assemblee pubbliche per parlare con i cittadini di sicurezza urbana, tema purtroppo di attualità. Si tratta di 13 incontri pubblici organizzati in modo diffuso sul territorio che coinvolgono tutte le frazioni, ai quali parteciperanno l’assessore alla sicurezza urbana Lia Miccichè e la comandante della polizia municipale Debora Arrighi. A seguito degli accordi provinciali saranno presenti anche rappresentanti delle forze dell’ordine. Le assemblee prenderanno il via martedì 20 febbraio e si concluderanno il 7 giugno.

“La sicurezza urbana è oggi un tema molto sensibile al quale la nostra amministrazione sta prestando da tempo grande attenzione avendo attivato misure concrete quali le iniziative ‘Whatsappiamo sicurezza’ e il Controllo di vicinato – spiega l’assessore alla sicurezza urbana, Lia Miccichè. – Le assemblee vogliono essere un modo per attuare un confronto diretto con tutti i cittadini del territorio e ascoltare le loro esigenze. La sicurezza parte anche dal fare comunità in un rapporto di mutua collaborazione tra i cittadini e tra questi, l’ente e le forze dell’ordine. Vogliamo inoltre far conoscere ancora di più i progetti di sicurezza messi in campo dal nostro Comune per aumentare la percezione di sicurezza e quindi migliorare la qualità della vita della cittadinanza”.
Il calendario completo delle assemblee:

martedì 20 febbraio, Artémisia: Tassignano, Paganico; mercoledì 7 marzo, Sportello al cittadino zona sud (ex circoscrizione 4) San Leonardo in Treponzio: San Leonardo in Treponzio, Massa Macinaia; martedì 13 marzo, sala parrocchiale di Lammari: Lammari; martedì 20 marzo, sala parrocchiale Segromigno in Piano: Segromigno in Piano, S.Colombano; mercoledì 4 aprile sala parrocchiale Segromigno in Monte: Segromigno in Monte, S.Pietro a Marcigliano, S.Andrea in Caprile; martedì 10 aprile Le Colonne Valgiano:Valgiano, Matraia; martedì 17 aprile sede Filarmonica ‘Gaetano Luporini’ S.Gennaro: S.Gennaro, Tofori, Petrognano; giovedì 19 aprile sala parrocchiale Lappato: Lappato; martedì 15 maggio luogo da definire: Carraia, Parezzana, Toringo; giovedì 17 maggio Bar trattoria Paolo e Paola S.Ginese di Compito: San Ginese di Compito, Colognora di Compito; martedì 22 maggio scuola primaria di Gragnano: Gragnnao, S.Martino in Colle; martedì 29 maggio Circolo Oasi Pieve San Paolo S.Margherita, Pieve S.Paolo; giovedì 7 giugno Centro culturale Compitese Pieve di Compito: S.Giusto di Compito, Pieve di Compito, S.Andrea di Compito.
Tutte le assemblee avranno inizio alle ore 21.

Attualmente sono una trentina i gruppi WhatsApp suddivisi per frazioni attivati grazie al progetto ‘Whatsappiamo sicurezza”. Tutti i cittadini possono aderire ai gruppi Whatsapp inviando un’email all’indirizzo sicurezza@comune.capannori.lu.it e indicando il proprio nominativo, indirizzo e numero di cellulare su cui attivare il servizio. Ciascun gruppo è amministrato e tenuto sotto controllo dalla polizia municipale, che può così decidere quali accorgimenti prendere in base ai messaggi ricevuti e se inviare sul posto una pattuglia.
Il controllo di vicinato prevede l’auto-organizzazione tra vicini per controllare l’area intorno alle proprie abitazioni e  vede una stretta collaborazione tra le persone che si sono rese disponibili, polizia municipale e forze dell’ordine. I cittadini volontari non hanno alcuna autonomia operativa, perché il loro compito è esclusivamente quello di segnalare a chi di competenza situazioni sospette. Nelle zone interessate dal nuovo progetto di promozione di sicurezza urbana, attualmente alcune vie di Capannori centro, Lunata, Marlia e Guamo, sono stati installati cartelli con scritto ‘Qui si svolge il controllo di vicinato’ che hanno lo scopo di far sapere a chiunque passi nell’area interessata dal controllo che la sua presenza non passerà inosservata e che quindi dovrebbero servire da deterrente.

Advertising
Tags: