PORCARI La UIL avanza nel settore cartario del territorio

da
Advertising

LUCCA – Il settore Cartario nel territorio sta registrando la presenza di un nuovo sindacato.
Dopo mezzo secolo di duopolio CGIL e CISL, da qualche mese la UIL con la sua categoria UILCOM si sta organizzando e sta avanzando con iscritti in diverse realtà delle cartiere del territorio.
Ormai la UILCOM ha creato un primo coordinamento ed è radicata nei gruppi principali, Essety SCA, Sofidel, Lucart, Gruppo Carrara, Smurfit Kappa ed altre aziende.

 

Nelle ultime settimane sono state elette delle RSU della UILCOM UIL in Soffass-delicarta Converting a Tassignano con Mario Gialdini che è stato anche il primo come numero di preferenze, ed in Soffass Papernet a Porcari con Eugenio Santelli. A queste si aggiungono altre tre RSU presenti.
Nelle prossime settimane saranno aperte le procedure anche in altri stabilimenti e la UILCOM è pronta con propri candidati.
La UILCOM ha anche svolto assemblee in Lucart e nel gruppo Smurfit Kappa.

 

La presenza di un nuovo sindacato nel settore Cartario Lucchese oltre ad essere una questione di maggior libertà per i lavoratori, pur riconoscendo molti meriti al lavoro fatto fino ad ora sopratutto su sicurezza e premio di risultato, e con grande rispetto per le RSU di qualsiasi sigla, vuole anche riportare al centro della discussione le esigenze dei lavoratori per la qualità della vita e del lavoro.
Si tratta di migliaia di persone che spesso – anche per una crisi induce ad accettare qualsiasi condizione pur di lavorare- non hanno visto migliorare la qualità della vita e le condizioni di lavoro, gli orari hanno turni pesanti, ci sono le polveri, il rumore, lo stress della produzione ed altri fattori che non sono adeguatamente considerati, e dove le retribuzioni sono dignitose ma non eccezionali.
Una proposta della UILCOM è quella che riguarda le pensioni.

 

La UILCOM sta infatti proponendo sul territorio ed in modo trasversale, per questo si è adottata una modulistica senza simboli, una petizione da proporre ai politici locali ed agli enti competenti affinché il lavoro in Cartotecnica ed in Cartiera rientri tra i lavori gravosi ai sensi proprio delle normative recenti.
Questa opportunità è data proprio dalla recente normativa che prevede che una Commissione specifica valuti entro Settembre quali professioni inserire oltre le 15 già inserite.
Una possibilità concreta per evitare di andare in pensione a 70 anni ed evitare ulteriori innalzamenti.
Questo fermo restando la posizione della UIL che resta quella di prevedere la quota massima di 41 anni di contributi.
Anche per presentare questa proposta sono in svolgimento diverse assemblee, a noi interessa migliorare le condizioni dei lavoratori, rafforzare un settore e risolvere i problemi.

 

Chiunque fosse interessato a fare una assemblea nella sua azienda, o ad avere informazioni per l’iniziativa per migliorare le regole della pensione nel settore Cartario-cartotecnico può contattare le sedi UIL di Lucca, Porcari, Fornaci o Castelnuovo o o cercare direttamente Giacomo Saisi (349 1716891 g.saisi@nulluilnordtoscana.it) o Massimiliano Bindocci (348 8804026 o m.bindocci@nulluilnordtoscana.it)

Fonte: Lo Schermo

Advertising