[ALTOPASCIO] Un’auto su sei circola senza assicurazione

da
Advertising


LUCCA. Quando siete al volante, guardate le auto che viaggiano intorno a voi: in media una su sei è senza assicurazione. Un dato che può stupire, ma che è certificato dal ministero dei trasporti e che abbiamo riassunto nella tabella qui sotto. In provincia di Lucca – esclusi i sette comuni della Versilia – sono senza copertura assicurativa il 15,72% delle autovetture per uso privato. Ma forse, al di là della percentuale, sono i numeri assoluti che colpiscono: il ministero calcola quasi 24.000 auto non in regola. Un dato che probabilmente va limato un po’ al ribasso, visto che comprende anche quelli in giacenza dai concessionari e quelli sequestrati. Ma si tratta di qualche aggiustamento, che non sposta di un millimetro il centro del problema. Così come certo non ci si può consolare con il fatto che la percentuale lucchese è più bassa rispetto a quella italiana, che arriva al 22%.




La situazione, come si legge nella tabella, è a macchia di leopardo. Il comune meno “fedele” all’assicurazione è Bagni di Lucca che con il suo 23% è sopra il dato nazionale. Un valore che – almeno in parte – si può spiegare con la presenza di una gran parte di emigranti che possono avere qua dei mezzi non assicurati ma che comunque non circolano. Sopra il 20% anche Altopascio, mentre Barga è vicina al 19%. Sul versante opposto buono il risultato di Pieve Fosciana, Fosciandora e Vagli. Ma – in ogni caso – nessuno dei nostri comuni scende sotto la soglia, anche simbolica, del 10%.

Che sia una situazione derivante dalla crisi economica, o che segnali la mancanza di senso civico, rimane il fatto che rappresenta un grosso problema per tutti quelli che stanno sulle strade, a cominciare dalla maggioranza che comunque è in regola con il pagamento dei premi. In caso di incidente con un’autovettura che risulti non coperta, ottenere il risarcimento diventa impresa titanica.

Ma i rischi ci sono anche per chi decide di circolare senza Rca. E non solo in caso di incidente stradale. La multa per mancanza dell’assicurazione va da 841 a 3.287 euro, con la riduzione di un quarto se la polizza è scaduta da meno di 15 giorni. Inoltre, si va incontro alla sanzione accessoria del sequestro del mezzo. Ci sono anche delle “variazioni sul tema” che sempre più spesso vengono denunciate dalle compagnie assicurative. Come la falsificazione dei documenti, che però raramente riesce a passare un controllo accurato e conduce alla confisca del veicolo e alla sospensione della patente per un anno.

Altra voce della tabella basata sui dati della Motorizzazione è la copertura della revisione. Anche in questo caso la percentuale media di chi non è in regola raggiunge numeri a due cifre, con il 13,83%, con tre comuni (Vagli, San Romano e Castiglione) che scendono anche se non di molto sotto il 10%.

La mancanza della revisione non comporta problemi in caso di incidenti ma comunque viene sanzionata con una multa che va da 168 a 647 euro, oltre alla sospensione della circolazione fino a quando l’automobilista non si mette in regola.

Contro questi comportamenti diversi comuni, a cominciare da Lucca, si sono dotati di speciali rilevatori che in tempo reale consentono di controllare revisione e Rca e, quindi, di fermare immediatamente un veicolo non in regola. Ma la strada per comportamenti più civili sembra essere ancora molto, molto lunga.

.

Fonte: Il Tirreno

Advertising