[ALTOPASCIO] Pensionato muore dopo l’incidente

da
Advertising

VILLA CAMPANILE. Non ce l’ha fatta Antonio Santarella, 67 anni, residente a Villa Campanile. Era stato a curarsi all’ospedale e invece sulla strada ha trovato la morte: non è sopravvissuto ai traumi riportati nell’incidente stradale, avvenuto a Le Vedute di Fucecchio lo scorso 19 aprile mentre tornava dalle consuete terapie a San Miniato ed era su un mezzo della Croce Bianca – Pubblica assistenza di Orentano, condotto da una volontaria 19enne di Altopascio.

«Una grande paura – racconta la moglie Angela che oggi piange per la scomparsa del compagno di una vita – ma è stato lui ad avere la peggio e ora noi siamo ancora sotto choc». L’uomo era a bordo di un mezzo attrezzato della Pubblica assistenza su cui si trovava anche la moglie, quando questo si è ribaltato, per cause in corso di accertamento, forse perché la giovane conducente aveva perso il controllo della guida. Le condizioni del pensionato erano apparse subito molto gravi e infatti a distanza di pochi giorni il cuore dell’uomo si è fermato mentre il 67enne era ricoverato. La salma è stata trasferita (già l’altra mattina, dopo la morte) all’istituto di medicina legale e qui resta a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Sull’incidente stradale con conseguenze mortali è stata aperta un’inchiesta e la volontaria rischia ora di essere indagata per omicidio colposo. Il mezzo attrezzato era stato sequestrato dalla polizia municipale di Fucecchio già nelle ore successive all’incidente. «Non sappiamo quando potrà esserci il funerale – aggiunge la moglie – le mie figlie stanno cercando di capire. Ma è tutto molto difficile per noi».

Quel giorno il mezzo attrezzato prima aveva sbandato verso destra e poi, per evitare di andare fuori dalla carreggiata, verso sinistra, sembra dopo una curva. Il veicolo era finito con una ruota nella fossa a bordo strada e poi si era ribaltato.

Le ferite più gravi le aveva riportate il disabile di Villa Campanile che si trovava nel vano posteriore sulla sua sedia a rotelle. La vittima aveva problemi di salute che lo costringevano spesso a recarsi all’ospedale e a fare cure di riabilitazione. Dopo l’incidente era stato ricoverato in prognosi riservata, nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Cisanello. I tre occupanti del veicolo della Croce bianca di Orentano erano stati estratti dall’abitacolo dai vigili del fuoco di Empoli intervenuti con due mezzi, mentre per i rilievi erano intervenuti vari agenti della polizia locale dell’Empolese Valdelsa inviati dalla centrale operativa.

Sull’incidente è stata aperta un’inchiesta

e la magistratura cercherà anche di capire se chi conduceva il veicolo aveva la preparazione e i requisiti giusti. Così come è probabile che saranno effettuate verifiche sul mezzo adibito al trasporto socio sanitario.

Sabrina Chiellini

.

Fonte: Il Tirreno

Advertising