PORCARI Sicurezza, il piano del sindaco Fornaciari «Serve una caserma» – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

PORCARI. «Farò di tutto per avere un presidio delle forze dell’ordine a Porcari». Il sindaco Leonardo Fornaciari attende il nuovo governo per tornare alla carica e provare a realizzare quello che è uno dei punti nevralgici del suo mandato, ovvero una caserma o una stazione dei carabinieri. A distanza di quasi un anno dalla sua elezione conferma infatti questa volontà. «Porcari merita un presidio delle forze dell’ordine, che può essere una caserma o altro – dichiara il primo cittadino – ma questa esigenza non nasce dal numero di furti e reati che secondo le statistiche sono tra i più bassi della provincia e in generale in calo, ma perché questo paese rappresenta una eccellenza economica grazie al suo polo produttivo, su tutti il cartario, che è baricentrico nella Piana. Ho avanzato – aggiunge – una richiesta formale e avviato un dialogo con gli organi competenti subito dopo il mio insediamento come sindaco. Un dialogo che è in corso e sono in attesa del cambio di governo per interloquire con il nuovo ministro e portare avanti questo obiettivo».

Sul fronte sicurezza ci sono anche il «potenziamento del corpo dei vigili con almeno un altro agente appena sarà possibile dal punto di vista normativo ed economico, l’istituzione del controllo di vicinato e la videosorveglianza. Naturalmente ci sono ancora tante cose da fare, un tema delicato».

Il Comune inoltre, intende dotarsi di un sistema modulabile di nuova generazione, potenziando la sala di regia e installare nuove postazioni di controllo. Sicurezza che il sindaco ha declinato in diversi aspetti a seconda dei contesti specifici.

«Un altro aspetto fondamentale è la sicurezza delle scuole. È in corso di completamento l’adeguamento antisismico della scuola Pea, tutto con risorse proprie dell’ente. Adesso dobbiamo continuare questa operazione e concentrarci sul complesso della scuola elementare. Abbiamo stanziato fondi in bilancio per la progettazione e parteciperemo anche ai bandi per ottenere finanziamenti e rendere le scuole più sicure».

Oltre alla sicurezza personale, che è data anche da strade illuminate in maniera più efficace ( «oltre 1.100 punti luce saranno sostituiti con lampioni led per una migliore efficienza e un risparmio di costi» ), c’è anche la sicurezza dei pedoni.

«Apriremo il cantiere per il completamento del marciapiede nella frazione di Rughi e in alcuni tratti di via Romana Est a doppia percorrenza – spiega Fornaciari – soprattutto in prossimità delle fermate degli autobus. Poi dobbiamo procedere con il marciapiede nella parte mancante in via del Centenario, un tratto di competenza provinciale, pertanto abbiamo invitato anche la Provincia a partecipare a quest’opera». Altro capitolo rilevante è quello del reticolato idrico. Porcari infatti, ha ben tre corsi acqua di categoria regionale: Fossanuova, Leccio e Ralla.

«In via Pacconi – conclude il sindaco – utilizziamo mezzi meccanici di pompaggio per alleggerire il Rietto evitando che l’acqua non scarichi nella Ralla creando disagi alle abitazioni e ai residenti.

Il progetto è di far diventare strutturale questo metodo realizzando una stazione di pompaggio permanente. C’è poi la questione dell’argine destro del rio Leccio confinante con l’omonima via. Un’opera che dovrà essere finanziata dalla Regione».

Fonte: Il Tirreno

Advertising