PORCARI LIC (lavanderie industriali centralizzate) e Schultze Toscana “SOGESI”: un’intesa soddisfacente

da
Advertising

PORCARI – La LIC srl (Lavanderie Industriali Centralizzate) di Porcari oggi occupa 69 lavoratori a tempo indeterminato e oltre 20 stagionali.
Gli ultimi periodi di attività sono stati caratterizzati da una pesante crisi economica che ha portato la società e i sindacati ad aprire tavoli di confronto congiunti anche con Confindustria e Istituzioni. Nonostante gli sforzi fatti e i sacrifici dei lavoratori, che nel tempo hanno perfino accumulato stipendi da riscuotere, recuperati solo in parte, alla fine del 2017 Lic srl ha aperto una procedura di concordato presso il Tribunale Fallimentare di Lucca e conferito in “affitto di ramo di azienda” l’intero ciclo produttivo alla Lic2 srl. Nel corso di queste procedure si è affacciata con interesse la Schultze Toscana srl, società interamente controllata dalla So.Ge.Si spa (una delle principali aziende nazionali del settore), con la quale ci siamo adoperati per cercare un accordo che permettesse alla nuova ditta di insediarsi, garantendo oltre alla piena occupazione anche gli emolumenti che i lavoratori hanno maturato e non ancora riscosso, come gli stipendi arretrati, i ratei di ferie/permessi, ecc. e poi quel famigerato 20% di riduzione del pagamento dei minimi tabellari a cui ci opponemmo, ma che dovrà comunque essere riconosciuto come credito, nonché il TFR al momento della maturazione del diritto a riscuoterlo.

 

Nei giorni scorsi però, nonostante le posizioni con Schultze Toscana srl fossero molto vicine, le trattative hanno subito una botta di arresto, in quanto una delle condizioni richieste dalla nuova azienda era quella di essere sollevata dalla responsabilità in solido, prevista invece dall’applicazione di Legge 2112 del Codice Civile che, nel caso di passaggio del personale da una società ad un’altra, garantisce il trascinamento dei crediti dei lavoratori nella nuova azienda e poi, nemmeno il fattore tempo sembrava voler dare una mano ai lavori poiché, proprio per il 17 luglio era fissata l’udienza fallimentare, ultimo termine utile per definire il destino di quel sito produttivo e degli oltre 90
lavoratori addetti.

 

Poi la svolta, infatti grazie al Tribunale Fallimentare di Lucca, sono stati concessi ancora sette giorni di tempo per confrontarci con la nuova società, durante i quali è stata raggiunta un’intesa tra Filctem Cgil di Lucca – Femca Cisl Toscana Nord – Uiltec Uil Toscana Nord e Schultze Toscana srl, che permetterà il proseguo dell’attività, garantendo l’occupazione e i pieni diritti dei lavoratori, dichiarandosi Schultze Toscana stessa disponibile a proporsi nel concordato come soggetto interessato al rilancio dell’attività.

 

Oggi quindi, la Filctem Cgil di Lucca – Femca Cisl Toscana Nord – Uiltec Uil Toscana Nord si dichiarano soddisfatti dell’intesa raggiunta poiché, questa permette il proseguo dell’operazione concordataria e quindi anche il proseguo della normale attività verso i clienti, oltre al miglioramento e al rilancio dell’unità produttiva di Porcari per i suoi oltre novanta dipendenti e tutti quelli dell’indotto.

Fonte: Lo Schermo

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.