PORCARI Videosorveglianza, dal ministero i soldi per installare altre 36 telecamere – Cronaca

da
Advertising

Porcari (LUCCA) –

LUCCA

In arrivo altre 36 telecamere per la videosorveglianza. Il Comune di Lucca ha vinto il bando del Viminale per la realizzazione di nuovi impianti: riceverà 240mila euro che vanno ad aggiungersi agli 80mila messi a disposizione dall’amministrazione. Una notizia gradita per palazzo Orsetti, che non si aspettava di avere così rapidamente un responso da parte del ministero. Invece il progetto made in Lucca è stato promosso. Tra le oltre 2500 domande presentate da tutta Italia, la città dell’arborato cerchio si è piazzata al 274° posto su 428 comuni ammessi al contributo. I criteri per la stesura della graduatoria sono stati l’indice di delittuosità della provincia, l’indice comunale, l’incidenza dei fenomeni di criminalità nell’area urbana, l’entità della popolazione, la richiesta di finanziamento in rapporto con il cofinanziamento del Comune.

Tempi. Prima di vedere le nuove telecamere attive e funzionanti passerà del tempo. Almeno un annetto. Per prima cosa si attende il decreto che ufficializza il finanziamento e fissa i tempi per lo stanziamento. Poi il Comune, che ha la sua quota parte e il progetto in mano, dovrà bandire una gara “mista” per fornitura del materiale e lavori. Per le telecamere del centro servirà anche il parere della Soprintendenza, visto che l’intera area è sotto tutela delle Belle Arti. Una volta presentata la documentazione, gli uffici di piazza della Magione avranno 60 giorni per esprimersi dopodiché scatta il silenzio assenso.

Dove verranno installate. Il progetto era stato presentato in Prefettura lo scorso giugno in occasione della sottoscrizione del Patto per l’attuazione sicurezza urbana fra Comune e Viminale. La dislocazione delle telecamere è frutto delle richieste di carabinieri, polizia e municipale: i 36 nuovi occhi elettronici andranno a integrare la rete esistente che conta già 125 apparecchi. 15 nuove telecamere saranno collocate nei quartieri esterni alle mura e nelle frazioni. Ecco dove: davanti alla chiesa di Sant’Anna, fra piazzale Boccherini e via Catalani, in piazzale Ricasoli, fra via Bandettini e viale Europa, alla rotonda fra viale Puccini e viale Einaudi, fra viale San Concordio e via Bandettini, fra viale San Concordio e via delle Fornacette, alla rotonda fra viale San Concordio e via Savonarola, alla rotonda fra via Castruccio Castracani e via Dante Alighieri, alla rotonda fra via Romana e via Piaggia, in piazza del Popolo a Ponte a Moriano), fra via di Picciorana e via Pesciatina, fra via del cimitero di Vicopelago e via Nuova per Pisa, fra via di Sant’Alessio e via di Pieve Santo Stefano e fra via delle Ville nord e via della SS. Annunziata. In centro ne arriveranno 21: a piazzale San Donato, piazzale Verdi, fra via San Paolino e piazzale Verdi, via Santa Giustina, fra via San Paolino e via Galli Tassi, in via Fillungo all’altezza di piazza San Frediano, in piazza San Francesco, fra piazza San Martino e piazza Anteminelli, fra piazza della Magione e via V. Emanuele II, incrocio fra via Mordini e via Fillungo, fra via Guinigi e via Sant’Andrea, piazza dell’Anfiteatro, fra via della Dogana e via del Molinetto, piazza San Michele in Foro angolo via Calderia, angolo di piazza San Salvatore e via Santa Giustina; infine due telecamere sono previste per la sortita San Frediano e quattro per la sortita San Colombano.

Gli altri Comuni. Lucca non è l’unico Comune ad aver avuto l’ok

al contributo. In graduatoria ci sono anche Fabbriche di Vergemoli al 64° posto con un contributo di 9.500 euro; Porcari al 91° posto 18.000; Careggine al 140° con 27.000; Castiglione di Garfagnana al 253° con 14.800; Fosciandora al 330° con 3.250; Villa Basilica al 338° 208.600. —

Fonte: Il Tirreno

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.