[REGIONE PIEMONTE] In rete Glossier, 50 voci a tutela dei minori

da
Advertising

Un glossario in 50 voci, tutte corredate da riferimenti legislativi, che spazia dal cyberbullismo alla sessualità, dalle droghe ai new media è il frutto del lavoro di un tavolo interistituzionale e interprofessionale su minori e informazione curato da “Tutti in Rete”.

Il documento è stato presentato il 28 novembre a Palazzo Lascaris, dall’assessore alle Politiche sociali, Augusto Ferrari, dal consigliere segretario delegato alla Consulta Giovani, Giorgio Bertola, dall’ideatrice del progetto Bianca Maria Moschella, e da Ennio Tomaselli, ex capo della Procura dei Minori di Torino, che ha redatto molte voci.

“Gli adolescenti di oggi – ha osservato Ferrari – hanno enormi opportunità legate alla rete, che possono però esporre a nuove forme di vulnerabilità. I continui stimoli possono produrre il risultato di far sentire inadeguati, e portare a grande stress e perfino al suicidio, fenomeni un tempo sconosciuti in questa fascia di età. Di fronte a questo quadro non è più sufficiente agire in modo settoriale o emergenziale: questa è la normalità, e noi adulti dobbiamo interrogarci su come affrontarla. Il glossario è un primo tassello del lavoro da fare in questa direzione“.

Il “Glossier” raccoglie le esperienze vissute dal tavolo “Tutti in Rete” nel corso degli anni mediante dibattiti interni e iniziative culturali esterne, messi a disposizione di chiunque fosse interessato a confrontarsi e promuovere eventuali ed ulteriori riflessioni, proposte e contributi critici. La prima parte della pubblicazione riguarda minori e media, e propone al lettore riflessioni sui punti nodali di tale rapporto; la seconda consta di un vero e proprio glossario composto da voci destinate ad arricchire il patrimonio culturale di chiunque abbia la consapevolezza, che occorre una formazione specifica per parlare o scrivere responsabilmente di persone di età minore.

E’ stato quindi sottoscritto il nuovo protocollo di intesa per l’attuazione della Carta dei Valori elaborata dal tavolo interistituzionale e interprofessionale di “Tutti in Rete” con l’obiettivo di continuare a vigilare sul diritto delle persone di minore età, affinchè siano protette nella varie fasi della loro crescita per un armonico sviluppo psico-fisico e morale, in particolare rispetto al contenuto delle informazioni che le riguardano. A firmare il protocollo sono stati Regione Piemonte, Associazione Italiana degli Avvocati per la Famiglia e per i Minori, Associazione Italiana dei Magistrati per i Minorenni e per la Famiglia – Sezione Piemonte e Valle d’Aosta, Camera Minorile di Torino, Centro per la Giustizia Minorile del Piemonte, Valle d’Aosta e Liguria, Città di Torino, Comando provinciale Carabinieri di Torino, Comando provinciale della Guardia di Finanza di Torino, Co.Re.Com. Piemonte, Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Torino, Consiglio provinciale di Torino dell’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri, Consiglio Regionale del Piemonte-Consulta regionale dei Giovani, Ordine degli Psicologi del Piemonte, Ordine dei Giornalisti del Piemonte, Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, Questura di Torino, Università di Torino.

Author Gianni Gennaro Questo indirizzo email è protetto dagli . È necessario abilitare JavaScript per vederlo.


Fonte: Regione Piemonte
Fonte: ANSA

Advertising

Leave a Reply

Your email address will not be published.