Altopascio.info Cronaca locale in tempo reale

Tag archive

contratto

PORCARI «Snaitech vuole vendere a Playtech Il contratto nazionale è solo un pretesto» – Cronaca

da

Porcari (LUCCA) – LUCCA «Snaitech sa che non può disapplicare il contratto nazionale metalmeccanico. Il tavolo di confronto avviato è solo un modo per la società di camuffare la trattativa vera che invece ha in corso: la vendita a Playtech, scaturita da un’offerta pubblica di acquisto intanto del 70,5% delle quote che risale allo scorso mese di aprile. Abbiamo interessato il ministero del Lavoro, abbiamo…

Continua a leggere

PORCARI Via libera alla proroga del contratto e appello all’unità sindacale – Cronaca

da

Porcari (LUCCA) – PORCARI. Via libera alla firma della proroga del contratto e continuare la trattativa. Ma anche la volontà di ritrovare un’unità sindacale tra le diverse sigle. È quanto emerso dalle assemblee dei lavoratori tenute dopo l’incontro con l’azienda a Roma. Incontro, si legge sulla nota congiunta do Uilm e Uiltusc (Uil) e di Fim e Fisascat (Cisl) «che aveva all’ordine del giorno il…

Continua a leggere

PORCARI Sul cambio di contratto sindacati contro Snaitech ma divisi tra di loro – Cronaca

da

Porcari (LUCCA) – L’intervento PORCARI. Si conferma la spaccatura nel sindacato sulla questione del cambio di contratto in Snaitech. Se la Fiom ha deciso di non partecipare nemmeno al confronto con l’azienda, la Cisl, pur contestando la decisione aziendale, considera sbagliata la scelta dell’altro sindacato. «Come Fim Cisl – sostiene l’organizzazione – riteniamo che la decisione unilaterale di Snaitech di recedere dal contratto netalmeccanici applicato…

Continua a leggere

PORCARI Snaitech, la Fiom e le uniche Rsu elette a Porcari e Roma non partecipano ad incontri sulla disapplicazione del contratto

da

PORCARI – All’incontro previsto per domani con la Snaitech la Fiom e le Rappresentanze Sindacali unitarie di Roma e Porcari (non esistono altre Rsu elette) titolate a trattare, non parteciperanno. A supporto delle linea della Fiom ed a seguito della diffida inviata all’azienda, anche le Rsu di Roma e Porcari ribadiscono che non ci possono essere trattative che possono modificare i contratti di secondo livello…

Continua a leggere

PORCARI «Snaitech vuole cambiare il contratto per tagliarci fuori» – Cronaca

da

Porcari (LUCCA) – PORCARI. Il caso Snaitech continua ad alimentare un doppio fronte di polemica: quello tra la Fiom e l’azienda (per la scelta contestata di modificare il contratto dei dipendenti dal metalmeccanico al terziario), ma anche quello all’interno dello stesso fronte sindacale. «Non c’è discussione – esordisce Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom per il Gruppo Snaitech – la Snaitech non può disapplicare dal primo…

Continua a leggere

PORCARI Nuovo contratto a Snaitech: La Fiom invia una diffida – Cronaca

da

Porcari (LUCCA) – PORCARI. Non è un semplice formalismo tecnico, ma un cambiamento sostanziale. Ma soprattutto è un cambiamento da contestare per il modo in cui viene effettuato, e per le sue conseguenze: questo, sintetizzando, il giudizio della Fiom Cgil sulla decisione di Snaitech di modificare il tipo di contratto per i suoi dipendenti, attualmente inquadrati nel settore metalmeccanico. «A seguito della comunicazione aziendale –…

Continua a leggere

PORCARI Snaitech: l’azienda vuole il contratto del terziario – Cronaca

da

Porcari (LUCCA) – PORCARi. Nubi nere all’orizzonte per i lavoratori della Snaitech. L’azienda, infatti, non sarebbe più intenzionata ad applicare il contratto nazionale dell’industria metalmeccanica. A riferirlo è il sindacalista Massimo Braccini, coordinatore nazionale di Fiom Cgil per il gruppo Snaitech: «La Snaitech, dopo l’incontro del 9 aprile (proprio due giorni prima del passaggio societario con Playtech) aveva annunciato di voler rinnovare il contratto integrativo…

Continua a leggere

[ALTOPASCIO] Il giudice accerterà se il contratto con IPT poteva essere stipulato

da

ALTOPASCIO. C’è grande preoccupazione per il fallimento della «Toscana Pane srl». Sono a rischio 53 posti di lavoro, ma la vicenda è tutt’altro che conclusa. Meraviglia infatti il contratto d’affitto d’azienda stipulato da un’azienda con una massa debitoria di 8,7 milioni di euro e una rinuncia alla domanda di concordato preventivo avanzata in precedenza al tribunale fallimentare. Il giudice delegato Giacomo Lucente attende i libri…

Continua a leggere

1 2 3 7